Equity Crowdfunding News

Trend e Ispirazioni sull’equity crowdfunding

Nasce Investing Plus: il nuovo global media network che lega Contents alla finanza decentralizzata

Il team di Contents Media si lancia nel mondo della finanza con un nuovo global media network digitale dedicato.

Contents Media, Business unit della global tech company Contents, che unisce intelligenza artificiale e revisione umana nel suo modello ibrido, si propone sul mercato globale del finance e più nello specifico sulla finanza decentralizzata delle Criptovalute, con un nuovo network. Presente in 6 lingue con un potenziale bacino di ascolto di 600 milioni di persone.

Questa piattaforma editoriale, interamente dedicata al mondo del finance, ha al suo interno sei magazine economico-finanziari in altrettante lingue: Investieren24Investindo365Finanzas24InvestirmagInvestingplus e Investimentimagazine (già in concessione a NewsOnline, la concessionaria di ItaliaOnline dedicata alla raccolta pubblicitaria sui siti di News). Si è scelto, infatti, di puntare, oltre che sull’italiano, su inglese, spagnolo, francese, portoghese  e tedesco per andare a coprire un’ampia audience a livello globale. 

In questi magazine si parla di investimenticriptovalute e più in generale di tutti i financial trend topic che stanno attirando l’attenzione di un numero sempre più elevato di lettori.

La digitalizzazione della finanza, la Fintech, che nasce con l’intento di digitalizzare la finanza per renderla più efficiente con l’utilizzo della tecnologia, è diventata sempre più popolare. L’indice di adozione globale delle criptovalute del 2021, per esempio, salta oltre l’880%, secondo un’indagine di Chainalysis, con le piattaforme P2P che guidano l’uso delle criptovalute nei mercati emergenti. 

Investing Plus, pensato per tutti coloro che desiderano rimanere informati sui Top Trends legati al Financial e ai nuovi mercati, apre allora la possibilità ai suoi inserzionisti, grazie alla sua piattaforma editoriale, di comunicare ad un pubblico globale, sempre in crescita, attraverso un unico editore. 

La scelta dell’azienda di intraprendere questa strada, di occuparsi di questi argomenti, non è casuale ma è legata a doppio filo a dati e statistiche raccolti nel corso dello studio di settore. 

Secondo Global Ratings di S&P più del 33% degli adulti, al giorno d’oggi, desidera essere  informato riguardo al mondo della finanza e fortemente interessato ad approfondire tutto ciò che è legato a questo tema, soprattutto per quanto riguarda il mondo fintech come ad esempio: blockchain, criptovalute, mobile wallets.

Uno studio condotto da Statista evidenzia poi come questa cerchia di appassionati sia aumentata notevolmente negli anni, con una crescita esponenziale, legata al boom delle criptovalute: c’è stato, infatti, un incremento della base utenti global di quasi il 190% in soli 2 anni (2018-2020).

La mission di Contents è eliminare le barriere comunicative, spesso legate alle differenze linguistiche, per avviare una comunicazione aperta, inclusiva e il più possibile interconnessa. 

Contents, che ha fondato sull’unione tra intelligenza artificiale e revisione umana il modello per la sua content creation, utilizza il medesimo approccio per generare contenuti per i magazine finanziari.

I contenuti, creati automaticamente e basati sui trend aggiornati in tempo reale su economia e finanza, vengono finalizzati dal team di content creator madrelingua che revisiona la qualità finale della bozza secondo diversi parametri come la valutazione della lingua utilizzata, il controllo semantico e sintattico, l’utilizzo dell’immagine per l’articolo.

 L’idea del global media network viene sviluppata avendo in mente questo obiettivo: attraverso sei diversi posizionamenti verticali in Italia, Francia, Germania, Spagna, USA e Brasile, garantisce infatti di conquistare unaudience sempre più globale e rendere la rete ancora più inclusiva.

Anche in questo caso la scelta di posizionarsi è supportata da dati di mercato e stime. Grazie ad uno studio riguardante le lingue più parlate dalla popolazione mondiale, si è notato che scegliendo di sviluppare il network in Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese, Tedesco e Italiano si può potenzialmente raggiungere oltre il 30% della popolazione mondiale, con 2,245 miliardi di persone che comunicano usando queste lingue.

Mario Marzullo Managing Director Contents Media

Mario Marzullo – Managing Director Contents Media

Abbiamo intrapreso questa nuova avventura che ha già riscosso un enorme successo in termini di audience nei primi mesi di setup grazie alla nostra capacità di intercettare i trends e saperli comunicare al mercato in tempo reale. Il Network Investing Plus ha l’obiettivo di diventare una voce autorevole e rilevante nell’aiutare i lettori nel mondo a interpretare in maniera sempre più consapevole i mercati finanziari e le nuove opportunità. Con questo Network Contents pone le basi per un progetto che nel 2022 parlerà a 50 milioni di utenti in 6 diverse lingue.

 

 

 

Cosa fa Contents.com

Contents.com è una marketing tech company che ha sviluppato una piattaforma software proprietaria che consente, grazie ad avanzati algoritmi di data analysis e di machine learning, di produrre nel modo più veloce e qualitativamente elevato contenuti digitali su vari argomenti ed in varie lingue. La scelta di lavorare nativamente con tutte le lingue del mondo è direzionata alla missione culturale di eliminare le barriere linguistiche, favorire una comunicazione immediata e un accesso democratico ai dati.Questa piattaforma editoriale, interamente dedicata al mondo del finance, ha al suo interno sei magazine economico-finanziari in altrettante lingue: Investieren 24Investindo365Finanzas24InvestirmagInvestingplus e Investimentimagazine (già in concessione a NewsOnline, la concessionaria di ItaliaOnline dedicata alla raccolta pubblicitaria sui siti di News). Si è scelto, infatti, di puntare, oltre che sull’italiano, su inglese, spagnolo, francese, portoghese  e tedesco per andare a coprire un’ampia audience a livello globale. 

vuoi ricevere più informazioni sul mondo dell’equity crowdfunding?