Equity Crowdfunding News

Trend e Ispirazioni sull’equity crowdfunding

Italia chiama UK: 4° posto agli italiani sul podio degli investitori in equity crowdfunding su Seedrs

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Italia chiama UK: 4° posto agli italiani sul podio degli investitori in equity crowdfunding su Seedrs

Indice

SCAI comunicazione ha avuto il privilegio di intervistare Scott Simpkin, il Manager del Team Campagne di Seedrs – la principale piattaforma europea di crowdfunding con sede in UK. Scott è uno specialista in Equity crowdfunding e ha contribuito a raccogliere con successo fondi per più di 40.000.000 di sterline per più di 75 aziende. Con Scott abbiamo parlato dell’ecosistema e del futuro dell’equity crowdfunding. Fortunatamente per noi e per i nostri lettori, Scott ci ha rivelato alcuni insights molto interessanti.

Scott, che ci dici del successo di Seedrs?

Abbiamo da poco raccolto il nostro miliardo di sterline in Crowdfunding negli ultimi 10 anni per oltre 1000 imprese. Quindi, siamo andati avanti e sta andando abbastanza bene e inoltre, abbiamo finanziato 26 imprese di diversi paesi in Europa, quindi 26 diversi paesi rappresentati sulla piattaforma Seedrs e nel nostro portafoglio.

Il Regno Unito è sempre stato avanti sul trend dell’Equity crowdfunding. Cosa pensi che l’ecosistema italiano dovrebbe fare per tenere il passo e come possono aiutare le piattaforme?

Beh, penso che il Regno Unito abbia avuto un vantaggio incredibile perché la regolamentazione era così già ottima nel 2010 quando Seedrs ha iniziato mentre in Italia 7 anni fa la regolamentazione non era ancora perfetta per il crowdfunding perché coinvolgere gli investitori retail è molto difficile, quindi penso che questo ci abbia dato un vantaggio quasi “sleale”! Ma l’ecosistema si è espanso così tanto in 10 anni, abbiamo partner che aiutano le singole imprese a raccogliere denaro, abbiamo società di marketing che aiutano le imprese ad espandersi e a coinvolgere la loro comunità, quindi c’è un ecosistema molto ampio di supporto anche per le start-up. Siamo partiti con le migliori normative che ci hanno permesso di fare questo in poco tempo.

È possibile per una start up italiana avviare una campagna su Seedrs?

Sì, è possibile. In realtà ne ho aiutata una personalmente che si chiama ‘Young Platform’. Si tratta di una piattaforma di criptovalute. Hanno raccolto 600 mila euro e gran parte dei loro investitori sono venuti anche dall’Italia. Quindi sì, è assolutamente possibile e anche in termini di investitori l’Italia è il nostro quarto paese più rappresentativo in Europa. E molti investitori italiani investono anche nelle nostre imprese.

Quali sono state le campagne più significative che hai seguito e cosa vedi nel futuro in particolare nell’equity crowdfunding?

Allora, nel Regno Unito 5 dei nostri Unicorni sono stati finanziati con equity crowdfunding e cioè aziende che hanno raggiunto un miliardo di sterline di valutazione, quindi l’ecosistema è grande e ora penso che ogni azienda sappia che l’equity crowdfunding è un’opzione per loro per coinvolgere la loro comunità. La più grande azienda che abbiamo probabilmente finanziato e che forse conoscete è Revolut Bank – la banca digitale che ora ha una valutazione di 5 miliardi e ci sono stati un paio di grandi raccolte di fondi europei, come Sono Motors che fa le auto elettriche in Germania e Mate bike una società di biciclette elettriche in Danimarca. Quindi, un sacco di aziende davvero impressionanti che stanno raccogliendo fondi e penso che sia un’opzione mainstream e questa è la grande cosa che abbiamo visto perché quando ho iniziato il lavoro 4 anni fa solo poche aziende volevano fare crowdfunding e ora nel 2021 è un’opzione per tutti.


Leggi anche – Società veicolo: cosa sono e come funzionano nelle campagne di equity crowdfunding



VAI ALL’ARTICOLO

vuoi ricevere più informazioni sul mondo dell’equity crowdfunding?