Equity Crowdfunding News

Trend e Ispirazioni sull’equity crowdfunding

Chi sono i Business Angels? Il Social Innovation Monitor traccia l’identikit degli angeli custodi delle imprese innovative.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Indice

I Business Angels ricoprono un ruolo centrale all’interno dell’ecosistema dell’innovazione. È grazie a questi investitori, infatti, che moltissime startup riescono ad avviare il proprio business, potendo contare non solo su un supporto di tipo economico, ma anche sull’innesto di know-how, relazioni e mezzi che questi investitori informali riescono a garantire.

I Business Angels in Italia

Chi sono però i Business Angels nel nostro Paese e in che modo riescono fattivamente a supportare le giovani imprese?

Per delineare meglio il profilo di questi investitori, anche quest’anno è di straordinario aiuto il Report sull’Impatto dei Business Angel Italiani elaborato dal Social Innovation Monitor (SIM).

Che si tratti di figure particolarmente rilevanti per il comparto dell’innovazione è evidente per il ruolo di innesco che i business angels ricoprono per molte aziende, tuttavia è lecito pensare che a questi investitori possa essere riconosciuto un ruolo più ampio, dalla valenza sociale o socio-economica, e ne sono dimostrazione i numerosi interventi legislativi che promuovono misure incentivanti per questi promotori dell’innovazione.

LEGGI ANCHE – Ecosistema dell’innovazione: la guida alle figure chiave che devi conoscere se vuoi fare Equity Crowdfunding

Una definizione di Business Angel

Qual è dunque il volto dei Business Angels?
Chiaramente non può esistere un profilo unico e gli investitori possono essere anche profondamente diversi tra loro per formazione, interessi di investimento, modalità di supporto alle imprese.

Il Report SIM, tuttavia, prova a tracciarne un profilo e ad evidenziare i principali trend che li accomunano.

Il Business Angel ha, generalmente, un passato di tipo imprenditoriale e/o consulenziale, e potendo contare su una buona disponibilità economica decide di investire in imprese innovative entrando nel capitale sociale acquisendone equity.

Come accennato, gli investimenti non consistono esclusivamente in somme di denaro, ma possono concretizzarsi anche sotto forma di consulenze o con un coinvolgimento diretto nella gestione dell’impresa.

I Business Angels, inoltre, spesso decidono di realizzare delle vere e proprie community dette BAN (Business Angels Network) o BAG (Business Angels Groups) per facilitare le connessioni tra investitori e imprese.

LEGGI ANCHE – Occhi puntati sui Business Angel: tutte le novità del Report Social Innovation Monitor

Il ruolo sociale dei Business Angels

Come abbiamo accennato, gli intenti del business angel spesso vanno oltre la sola, seppur legittima, volontà di generare profitto. Per questo sempre più spesso questi investitori si rendono protagonisti del cosiddetto impact investing, ossia quella forma di investimento in grado di generare valore e impatto positivo non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello ambientale e sociale. 

Tale tendenza è ormai talmente marcata che questa tipologia di investitori viene descritta come impact first investors, ossia come investitori che si impegnano principalmente per il raggiungimento di obiettivi sociali o ambientali prima ancora che economici.

LEGGI ANCHE – Caccia all’investitore: ecco le best practice da attuare

Alcuni dati sui Business Angels

Secondo il report del Social Innovation Monitor, sono oltre 1.200 i Business Angels italiani, di questi oltre il 70% risiede ed è attivo nelle regioni settentrionali, mentre al sud si registra la concentrazione meno significativa. Un dato, questo, che riflette una disomogenea capacità dei territori di rispondere alla chiamata all’imprenditorialità e all’innovazione e che, ancora una volta, rischia di dividere in due il Paese lasciando inespresse interessanti potenzialità.

Disomogenea anche la distribuzione per genere, con le donne che rappresentano una quota di poco superiore al 10% del totale degli investitori, mentre maggiore uniformità la si può trovare indagando la dimensione della formazione e delle esperienze professionali.

In questo caso le concentrazioni maggiori si hanno su carriere di tipo manageriale, imprenditoriale o legate ai settori della consulenza.

Quanto valgono gli investimenti

Secondo le stime del rapporto SIM, nel solo 2020 gli investimenti realizzati dai Business Angels avrebbero avuto un valore di circa 48 milioni di euro, concentrati principalmente nel comparto “Digital Services & ICT” seguito da, “Biotech & healthcare” e “Fintech & big data tech”.

Per quanto riguarda la localizzazione geografica dei propri investimenti, infine, la maggioranza del campione SIM alloca il proprio budget esclusivamente su progetti italiani, mentre poco meno della metà predilige forme di investimento misto facendo coesistere progetti italiani ed esteri all’interno del proprio portafoglio.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità relative al mondo dell’equity crowdfunding iscriviti alla Newsletter di Equity Crowdfunding News

vuoi ricevere più informazioni sul mondo dell’equity crowdfunding?