Realizza il tuo piano di social media marketing per l’equity crowdfunding



Lanciare una campagna di equity crowdfunding efficace vuol dire, tra le altre cose, mettere in campo una strutturata strategia di marketing in grado di costruire o rafforzare il posizionamento del nostro brand e di raggiungere i nostri potenziali investitori attraverso tutti i possibili touch points.
Tra questi giocano un ruolo importantissimo i social media.

Da dove iniziare per costruire il tuo piano di social media marketing

Il social media marketing, come suggerisce il nome stesso, è quel ramo del marketing che si occupa di sviluppare le strategie di comunicazione, posizionamento e vendita attraverso i canali social.

Solitamente siamo abituati a pensare ai social media come a delle piattaforme principalmente destinate all’intrattenimento o a creare connessioni tra persone diverse e tendiamo ad associare ai social una componente tendenzialmente ludica.

Fare social media marketing vuol dire ribaltare questa prospettiva e iniziare a guardare ai social media come dei veri e propri strumenti di business.

Sviluppare un piano di social media marketing per l’equity crowdfunding vuol dire partire dalla approfondita conoscenza delle piattaforme e delle specifiche tecniche di comunicazione e marketing per riadattarle alle peculiarità delle raccolte fondi.

Leggi anche: Cosa fare e quali errori evitare in una campagna di equity crowdfunding

Social media marketing: le regole d’oro

Vediamo quali sono le regole imprescindibili per la costruzione di un a buona strategia di social media marketing per l’equity crowdfunding.

Prima di entrare in un elenco dettagliato però, ricordiamoci della regola fondamentale: mai lasciare spazio all’improvvisazione.

La tentazione, in effetti, può essere forte: in fondo tutti usiamo i social media e può sembrarci molto semplice avventurarci in un loro utilizzo per lanciare la nostra campagna di equity crowdfunding. Diciamo subito che l’utilizzo professionale dei social è tutt’altra cosa.

Vediamo le altre regole base per un buon piano di social media marketing.

Individua il tuo target. Il concetto di buyer personas, ossia la rappresentazione dei potenziali clienti in termini socio-demografici, di stile di vita, linguaggi, gusti personali ecc. è un mantra del marketing B2C. Si tratta però di un concetto del quale è opportuno appropriarsi anche nel costruire la propria strategia di social media marketing per l’equity crowdfunding.
Creare delle rappresentazioni dei nostri potenziali investitori ci aiuterà infatti a costruire i messaggi nella maniera più adeguata per adattarci alle loro esigenze e per incontrare i loro gusti.

Leggi anche: Vuoi fare Equity Crowdfunding? Investi sulla tua community

Imposta la strategia. Come abbiamo visto il social media marketing non può lasciare spazio all’improvvisazione. Impostare una strategia vuol dire mettere su carta un progetto di marketing prima di iniziare a pubblicare sui diversi social network. Pubblicare randomicamente e senza una strategia accurata è infatti un madornale errore.

Impostare una strategia di social media marketing presuppone anzitutto darsi degli obiettivi concreti e misurabili da raggiungere in un determinato lasso di tempo, dovrà prevedere la costruzione di un funnel di marketing in modo da tenere conto di dove il nostro target si trovi rispetto all’obiettivo della sottoscrizione della campagna e dovrà fungere da base per la realizzazione del nostro piano di content marketing e per l’allocazione del nostro budget pubblicitario.

Scegli le piattaforme giuste. Come è facile immaginare fare social media marketing presuppone una perfetta conoscenza delle diverse piattaforme social. La conoscenza delle piattaforme va intesa sia come familiarità nell’utilizzo, sia nella capacità di comprendere i linguaggi specifici, le potenzialità in termini di strumenti di pubblicazioni, le modalità più pertinenti per sfruttare le pianificazioni in advertising.

Definisci il calendario editoriale. Una volta definito il target e impostata la strategia sarà possibile passare alla creazione del calendario editoriale. Il calendario editoriale è lo strumento che consente di raggruppare tutti i contenuti social delle diverse piattaforme in un documento unico che segue una linea temporale prestabilita.
il calendario editoriale ci aiuterà quindi a decidere in anticipo cosa, quando e dove pubblicare, nonché ci servirà come strumento per avere un rapido colpo d’occhio su tutte le creatività che andremo ad associare ai nostri contenuti testuali e che potremo linkare all’interno del nostro PED (Piano Editoriale Digitale).

Affidati ai numeri. Misurare e verificare continuamente i risultati del nostro piano di social media marketing. Affidarsi agli insights è fondamentale per capire se ci stiamo muovendo nella direzione giusta, se stiamo parlando al nostro pubblico di riferimento e se stiamo spendendo nel modo migliore possibile il nostro budget. Qualsiasi strategia che non sia supportata dai numeri non può definirsi tale e senza un riscontro numerico non sapremo mai se e quanto la nostra campagna di marketing sia stata effettivamente efficace.

Leggi anche: Lo storytelling per l’equity crowdfunding: scrivi una storia di successo per la tua startup

Social media marketing: le piattaforme giuste per l’equity crowdfunding

Quali sono dunque le piattaforme social più adatte a una campagna di social media marketing per l’equity crowdfunding?

Diciamo subito che la cosa importante non è presidiare quante più piattaforme possibili, ma essere presenti nel modo migliore possibile sulle piattaforme giuste.

La varietà di progetti che possono essere presenti su una piattaforma di equity crowdfunding è talmente ampia e variegata che tracciare delle linee guida valide per tutti sarebbe impossibile.

Possiamo però dire che conoscere le caratteristiche di ognuna può sicuramente essere utile per orientarci nella scelta di quelle che fanno maggiormente al caso nostro.

Facebook, ad esempio, potrebbe essere adatto per costruire e sviluppare la nostra community, sia tramite la pagina ufficiale dell’azienda che con una pagina nata appositamente per il lancio della nostra campagna di equity crowdfunding, o ancora attraverso un gruppo collegato alle nostre pagine per stimolare l’interazione con i nostri sostenitori e potenziali investitori.

Una piattaforma come Instagram, invece, potrebbe servirci per diffondere più velocemente la nostra comunicazione visuale, soprattutto nel caso ci occupassimo di prodotti in cui le componenti estetiche, di design o esperienziali avessero un peso specifico piuttosto notevole.

Youtube può essere utilizzato per la diffusione di video che parlino della nostra azienda e del nostro prodotto, adottando di volta in volta un linguaggio che possa essere maggiormente narrativo o esplicativo, in ogni caso coerente con lo storytelling che abbiamo deciso di impostare sin dall’inizio per raccontare la nostra realtà.

Linkedin può essere la piattaforma ideale per lavorare sul personal branding dei nostri founders o delle key people della nostra azienda. Linkedin è inoltre il social media dedicato al business, può quindi essere un mezzo ideale per allacciare una rete di relazioni professionali importanti e comunicare il nostro prodotto in modo più strettamente “corporate”.

Una piattaforma come Tik Tok potrebbe essere invece particolarmente indicata per un prodotto che abbia come focus target i più giovani, o ancora per costruire un posizionamento di marca particolarmente pop.
Da non sottovalutare anche la possibilità di utilizzare questo social media come mezzo di pianificazione pubblicitaria per la diffusione di messaggi dai codici comunicativi fortemente virali e disruptive.

Infine Twitter, seppur meno flessibile nell’ospitare contenuti lunghi, si presta molto bene alla comunicazione sia di marca che di prodotto, soprattutto perché ampiamente utilizzato da chi opera nel mondo dell’informazione e dei media in genere. Riuscire quindi a coinvolgere la community degli operatori dell’informazione anche attraverso i social potrebbe essere di grande aiuto a tutte le nostre attività di PR e ufficio stampa.

Se stai pensando di avviare una campagna di equity crowdfunding SCAI Comunicazione è il partner ideale per supportarti nella realizzazione del tuo piano di social e di tutte le altre attività di marketing e comunicazione necessarie per raggiungere i tuoi obiettivi.

vuoi ricevere più informazioni sul mondo dell’equity crowdfunding?