Seed Money: il primo acceleratore privato di startup in Italia in campagna su CrowdFundMe

Indice

Seed Money è un progetto che nasce dalla collaborazione tra business angels. Quale è il percorso di consapevolezza che avete fatto e che vi ha portato alla realtà che siete oggi?

Credo sia utile per comprendere meglio il nostro percorso, iniziare ripercorrendo un po’ la strada che ci ha portato ad essere oggi qui. Nel 2013 un gruppo di business angels provenienti da diverse esperienze sia professionali che imprenditoriali ma uniti dalla passione e dalla curiosità per l’innovazione, decide di dare vita a “the Seed Project”, progetto nato con l’obiettivo di colmare una delle lacune principali che caratterizzava le vita delle startup e che ne rappresentava un po’ il tallone di achille: “la mancanza di una cultura d’impresa”. La prima iniziativa messa in campo fu la costituzione di Seed srl, una delle prime realtà ad ottenere la qualifica di incubatore certificato, proprio con l’obiettivo di mettere a fattor comune quell’esperienza imprenditoriale accumulata nel corso degli anni dal nucleo di business angel promotori dell’iniziativa. Da allora il progetto ha percorso tanta strada, e con il successo della prima raccolta (184 soci, oltre 300 con il termine della raccolta attuale) è diventato una vera e propria community che ha a cuore lo sviluppo e la crescita di nuove iniziative imprenditoriali e nuovi imprenditori attenti all’innovazione.

LEGGI ANCHE: Imprese possibili. Sette storie di successo di startup che ce l’hanno fatta

Che cosa significa acceleratore a proprietà diffusa?

Significa essere inclusivi, vuol dire condividere non solo opportunità, ma anche esperienze e competenze. Per questo per noi l’equity crowdfunding non è solo lo strumento per raccogliere fondi ma è anche e soprattutto la modalità con cui diffondere la cultura imprenditoriale legata all’innovazione e coinvolgere chi ha desiderio di contribuire mettendo a fattor comune esperienza, conoscenza e networking. Questo lo facciamo aprendo il nostro capitale a chi voglia condividere con noi un percorso. 

Quali sono i punti di forza e gli elementi differenzianti di Seed Money rispetto ad altre realtà veicolo di investimento?

Seed Money racchiude in sé tre anime: un acceleratore, un investitore diretto ed anche un club deal. Per ogni startup che entra nel suo programma di accelerazione, Seed Money negozia per sé e per i propri soci condizioni di favore normalmente estese anche ai futuri aumenti di capitale effettuati nell’arco di un triennio. Molti dei nostri soci, infatti, sono anche persone a cui piace investire direttamente nelle startup che Seed Money valuta e propone loro, e che vedono nell’attività di negoziazione che Seed Money svolge un indubbio vantaggio per una rivalutazione veloce del proprio investimento. Ecco perché il valore di Seed Money va al di là del semplice valore del suo portafoglio.

LEGGI ANCHE: Smart money: finanzia la tua campagna di equity crowdfunding con i contributi governativi a fondo perduto

Come si compone ad oggi il vostro portafoglio di startup?

Attualmente abbiamo 8 startup early stage, 5 partecipazioni strategiche e 2 progetti in sviluppo che a breve diverranno startup costituite. Delle 8 startup in fase early stage, 7 hanno già fatto con successo una raccolta di crowdfunding ed una ha visto l’ingresso di un investitore istituzionale nel capitale. Ovviamente a queste si aggiungeranno le altre 10 selezionate in questi mesi,  attive nei settori che più di altri sono stati protagonisti dell’emergenza pandemica. Le 5 partecipazioni strategiche sono ormai scaleup con valutazioni superiori a 10 milioni di euro dove, oltre ad essere realtà che nel tempo hanno dimostrato di essere in grado di scalare realmente, hanno anche l’obiettivo di stabilizzare il portafoglio e ridurre il rischio

Oltre che dal punto di vista finanziario, quanto Seed Money segue la storia della startup accelerate? Se sì, in che modo?

Concluso il programma di accelerazione il legame continua nel tempo, si è comunque soci delle startup in cui si è investito e il condividerne il rischio d’impresa, seppur limitatamente alla propria partecipazione, ci impegna nel mettere a disposizione quanto utile per sostenerne lo sviluppo. Inoltre, non dimentichiamo che comunque ci sono le eventuali opzioni negoziate che solitamente hanno la durata di un triennio. Ricordo che la nostra mission è fondamentalmente il trasferire quella cultura dell’intraprendere che solo l’esperienza può far crescere, e il misurarsi su cose concrete spesso porta alla nascita di relazioni vere che diventano amicizie e che si consolidano nel tempo.

LEGGI ANCHE: Ripartire dalla semplicità. Il segreto della piattaforma CrowdFundMe per sostenere il crowdinvesting

Seed Money è stato il primo acceleratore privato in Italia a completare un round di equity crowdfunding nel 2018. A dicembre la vostra campagna è andata in overfunding in meno di 24 ore e oggi il vostro secondo round di investimento ha già quintuplicato il suo obiettivo minimo di raccolta. Qual è la forza di questo strumento, secondo voi, e cosa ha convinto gli investitori a credere nel progetto?

Come dicevo in precedenza, la completezza della nostra proposta: un acceleratore, un investitore diretto e un club deal. Una community legata dalla condivisione degli stessi valori e dal desiderio di contribuire fattivamente allo sviluppo di nuove imprese innovative. Ovviamente, il raggiungimento di determinati risultati sia in termini di performance di portafoglio (+80% in 12 mesi) sia in termini di capacità di contribuire alla crescita delle startup, cattura l’interesse del risparmiatore desideroso di nuove forme di investimento ma al tempo stesso con l’esigenza di essere accompagnato in questo percorso di non semplice comprensione. Per quelli più esperti, invece, la possibilità che si possa contribuire non solo nella crescita delle startup attraverso l’attività di mentorship, ma anche investire nelle stesse a condizioni di vantaggio, rappresenta un valore oggettivamente riconosciuto.

A quali obiettivi puntate con questa seconda campagna di equity crowdfunding?

Raccogliere risorse da investire in nuove startup, consolidare alcune partecipazioni già in portafoglio, aumentare il ticket medio d’intervento e far crescere – con oltre 350 soci direi che ci siamo riusciti – la base dei soci attivi nel partecipare alle opportunità d’investimento che presentiamo e disponibili ad impegnarsi attivamente nell’attività di mentorship. 

Scopri la campagna di Seed Money su CrowdFundMe

vuoi ricevere più informazioni sul mondo dell’equity crowdfunding?